Voices / marzo 2012

 

Tecnologia, solo per i tuoi occhi

di - 30 marzo 2012 alle 11:31

A guardarlo non è passato nemmeno tanto tempo, invece i decenni sono trascorsi eccome ma le scene di Blade Runner continuano a trovare conferma nel quotidiano, in alcuni casi con netti miglioramenti.

Gli occhialoni-monitor della sequenza in strada sono già diventati realtà da tempo, e ora la versione 2.0 di tale tecnologia ripropone il medesimo concetto con lenti trasparenti e la sovraimpressione di numeri, scritte e immagini in movimento. [ Leggi tutto ]

 
 

Lomokino, l’arma di distrazione di nicchia

di - 27 marzo 2012 alle 11:00

Non contenti di averci lomotomizzati per anni (non è un refuso, l’ho proprio scritto con la “emme”) a mezzo di vere e proprie macchine giocattolo, dandoci l’alibi per realizzare pessime fotografie e ciò nonostante ottenere complimenti sperticati dagli amici, quei furbacchioni della Lomographic Society se ne sono usciti con un nuovo “oppio dei popoli”: l’immaginifica “Lomokino”.

Si tratta di una (tossisco) cinepresa meccanica che dovrebbe aggiungere la dimensione del movimento allo spirito della Lomo, permettendoci di girare “filmati” della durata di circa 45 secondi con un normale rullino fotografico da 36 esposizioni. Un rullino naturalmente e rigorosamente analogico, perché si sa, “the future is analogue”.
[ Leggi tutto ]

 
 

L’editoria digitale – Marco Calvo

di - 26 marzo 2012 alle 17:22

Prosegue il nostro appuntamento con l’editoria digitale: l’esperto di questa settimana è Marco Calvo. Ecco, di seguito, il suo punto di vista sull’editoria digitale e sul suo futuro. Buona lettura!

[ Leggi tutto ]

 
 

Digital first, l’informazione tra sinergia e innovazione analogica

di - 23 marzo 2012 alle 10:47

Sul finire dello scorso febbraio, il quotidiano spagnolo El País ha reso pubblica la rivoluzione organizzativa e produttiva della redazione. Un cambiamento profondo, deciso, che punta sulla convergenza tra analogico e digitale (per un’analisi sulle novità introdotte: Federico Badaloni, qui, e Pier Luca Santoro, qui). Nuova filosofia di approccio alla notizia, frettolosamente definita come digital first, ma che presuppone complementarietà tra le diverse piattaforme con l’obiettivo di valorizzare il brand, a prescindere dallo strumento utilizzato per la lettura.

Integrazione. E innovazione. Attraverso l’uso di sistemi snelli in grado di pubblicare sulla piattaforma più utile e funzionale rispetto al momento, al luogo. Dalla carta ai tablet, fino ai siti online. Tecnologia che sottende un profondo lavoro sul fronte dell’architettura dell’informazione. Un sistema di classificazione – che sostituisce le sezioni del giornale – per creare un prodotto liquido, in grado di adattarsi agli interessi dei lettori. Scenari che vanno dai mash up e si spingono fino al web semantico (un esempio di queste logiche applicate all’informazione è Virgilio Viaggi, tra primi tentativi in questo senso in Italia).
[ Leggi tutto ]

 
 

Eppur (non) si muove

di - 21 marzo 2012 alle 10:26

Non tutto ciò che è mobile in teoria, si sa, lo è anche in pratica: e questo vale anche e soprattutto per la comunicazione, la sfera che più di ogni altra abbraccia pratiche che coinvolgono ogni aspetto della vita, nei modi e tempi più svariati – e nei più svariati luoghi. Quando si tratta di “vita connessa”, questi luoghi possono in effetti riservare qualche sorpresa: come quelle che emergono dal “Connected Life Market Watch Program”, lo studio di Cisco IBSG che monitora edizione dopo edizione il comportamento di chi consuma servizi di comunicazione su banda larga, per registrare le variazioni e quindi identificare le transizioni chiave del mercato.
[ Leggi tutto ]

 

Gli autori del Blog

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivio del blog

I contenuti di questo blog sono tutelati da una licenza CC che vi invito a rispettare

Page 1 of 41234