Voices

 

Addio alle enciclopedie?

di - 4 aprile 2012 alle 10:17

Diciamocelo: l’annuncio urbi et orbi della Britannica, che il mese scorso ha comunicato che non verrà più stampata l’edizione cartacea dell’enciclopedia, non è proprio stato un fulmine a ciel sereno. D’altronde, secondo i dati forniti dall’amministratore delegato di Encyclopaedia Britannica Inc. Jorge Cauz, l’edizione cartacea ha fornito l’anno scorso l’un percento dei ricavi, contro il 15% ottenuto dagli abbonamenti web e iPad. (l’altro 84%, per i curiosi, è dovuto a prodotti specifici per studenti e simili… La cultura si direbbe paghi solo indirettamente)

Risparmieremo insomma qualche albero. Nemmeno poi tanti, però: la tiratura per i 32 volumi dell’ultima edizione cartacea, quella 2010, è stata infatti di 12000 copie, ma ne sono state vendute solo ottomila. Le altre al più potranno diventare oggetti di collezione, anche perché sono un po’ troppo costosi per essere usati come sgabelli o scalette come insinuavo in questa vignetta.

È però vero che da molte parti la mossa della Britannica è stata vista come l’inizio della sua fine: fossimo russi, la definiremmo la Beresina oppure la Stalingrado dell’enciclopedia. Il tutto per colpa di Wikipedia, naturalmente! Secondo voi io sono troppo paranoico? Beh, è lo stesso amministratore della Britannica a fare il confronto, dicendo che comunque la qualità del loro prodotto è ben maggiore di quella dell’enciclopedia libera: se volete acculturarvi con questa infografica potete vedere i punti di forza che la Britannica si autoassegna. C’è anche chi – come Tim Carmody su Wired, argomenta che in realtà il vero killer arrivò dieci anni prima della nascita di Wikipedia e fu nientemeno che Microsoft, con la sua Encarta buonanima. È pur vero che esistono ancora enciclopedie cartacee, come World Book; ma probabilmente David Weinberger ha ragione quando scrive che oggi l’enciclopedia cartacea non ha più senso, e direi che anche alla Britannica sono d’accordo.

Tutto questo naturalmente vale per la lingua inglese. E in Italia? Come immagino sappiate, la Treccani non versa certo in buone acque, e lo stato permanente di crisi in cui versano le casse erariali non aiutano certo. Nel 2009 l’Istituto ha anche cercato di avvicinarsi in un certo senso al crowdsourcing, chiedendo alla Rete di preparare testi sui personaggi che dovrebbero far parte del Dizionario Biografico degli italiani; questi testi sarebbero poi stati rivisti e inseriti. Il risultato non è stato esattamente entusiasmante, per quanto ne so: forse il recente contratto di collaborazione con la Normale migliorerà la faccenda, ma bisognerà aspettare almeno un anno prima di vedere risultati pratici. Più in generale, chiedetevi voi stessi quante volte andate a fare una ricerca anche sulla Treccani: la vostra probabile risposta dimostra come in ogni caso il suo valore percepito sia molto basso, indipendentemente dal suo valore assoluto. Non so se questo valga anche per la Britannica, però.

Onestamente, e parlo con il cappellino di portavoce di Wikimedia Italia, la cosa mi preoccupa. No, le frecciatine di Cauz non mi toccano, e neppure questa infografica, di cui spero apprezziate il bias ben nascosto. Non mischiamo mele con pere: sono ragionevolmente certo che la qualità media dei quattro milioni di voci di Wikipedia in inglese sia più bassa della qualità media delle (65.000? 120.000? credo che il primo numero corrisponda alle voci sulla fu edizione cartacea, il secondo a quelle online) voci della Britannica. Però il raffronto dovrebbe essere fatto solo sulle voci presenti in entrambe le enciclopedie, a meno che non si parta dal principio “meglio nessuna voce che una voce di bassa qualità”: principio sul quale non sono d’accordo, se non nella forma “meglio nessuna voce che una voce errata”: ma tanto paradossalmente le voci della coda lunga di Wikipedia possono essere mal scritte, sfacciatamente pubblicitarie, ma di solito sono corrette perché non interessa a nessuno diffondere falsità che chissà se verranno mai lette. Seth Godin ha fatto un test con la voce su Rick Santorum: un confronto impietoso, ma la cosa che almeno per me è più interessante è che la Britannica ha una voce che «cerca di terminare la richiesta di informazioni» (corsivo suo), mentre Wikipedia «la fa iniziare». Per molti questo può essere un punto vincente della Britannica, per me è esattamente l’opposto. In generale sarebbe però bello se una terza parte scegliesse a caso un centinaio di voci e le confrontasse pubblicamente, come fece Nature nel lontano 2005.

Ma come scrivevo non è questo il punto che mi preoccupa. Wikipedia è un modo di mappare la conoscenza universale. Un modo diverso da quello della Britannica, come fa acutamente notare Matthew Battles: non necessariamente migliore o peggiore, ma appunto diverso. Se però le enciclopedie “classiche”, con un comitato editoriale che verifica le voci, dà loro una struttura coerente, e perché no sceglie quelle ritenute più significative, spariscono, la conoscenza globale si impoverirà. Wikipedia è ottima, io la consulto sempre: ma conosco anche i suoi limiti, e quando è meglio cercare anche altrove. Temo che siano in molti invece ad accontentarsi di quello che ci trovano, perché tanto è gratis, e la cosa è triste per almeno due ragioni. La prima è che non bisognerebbe mai accontentarsi, perché così la qualità man mano diminuisce; la seconda perché la filosofia dell’enciclopedia libera è esattamente l’opposto. Non ci si dovrebbe mai accontentare, ma piuttosto si dovrebbe contribuire a migliorarla; anche solo correggere una virgola è utile!

2 commenti a “Addio alle enciclopedie?”
 
ro scrive:

la modernità sta mandando a puttane la qualità dei tempi antichi. Un tempo gli oggetti le,le cose, e anche
le persone se vogliamo dirla tutta, erano fatte per durare. A casa ho un frigorifero della fiat che corre per
I 50 anni ed è esattamente come è uscito dalla fabbrica. Mi chiedo il nuovo frigo come funzionerà tra 50 anni. Le persone ormai sono come le cose, le si dve usare e buttare. Non c’è qualità in niente si preferisce la cosa scadente e wikipedia ne è l’emblema. Purtroppo però il mondo corre troppo veloce
e per raccogliere tutto il sapere che serve non basterebbero 10000 volumi. Quindi opterei per una enciclipedia online sponsor finanziata.

.mau. scrive:

@ro: e perché uno sponsor dovrebbe finanziare un’enciclopedia “non scadente”? Che ci guadagna? Le domande non sono peregrine. Wikipedia esiste perché c’è gente che fa quel che può: i risultati sono quelli che sono, ma i costi sono bassi. L’indubbio vantaggio in qualità di una versione “rivista” varrebbe i (molti) soldi necessari?

I contenuti di questo blog sono tutelati da una licenza CC che vi invito a rispettare

L'autore del post

.mau.Un matematto. Tratterò temi di informatica nel mondo reale, con divagazioni tuttologiche
Chi è .mau.

Nato nel 1963, una laurea in matematica e una in informatica, lavoro nel gruppo Telecom da oltre 25 anni e sono in rete da ancora più tempo. Ho un'adorata moglie che mi sopporta e supporta e due gemelli treenni, sono citato in alcuni degli RFC di Internet, ho scritto un libro di problemi matematici e ho la pessima tendenza a sbucare nei posti più impensati, dagli accordi per le canzoni degli anni '60 alle discussioni su Wikipedia. Su Voices faccio anche il cattivissimo caporedattore che ha la penultima parola su quanto preparato dagli autori...

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivio del blog