Voices / Archivio autore

 

Myspace, a volte ritornano.

di - 18 gennaio 2013 alle 9:46

Forse un po’ indaffarati a seguire il turbinio evoluti dei social network, consolidati, nuovi e nuovissimi, e delle loro declinazioni su diverse piattaforme (mobile, web), non tutti ricordiamo che, agli albori delle reti sociali, a contendersi gli utenti con Facebook c’era il (disastroso) Myspace, la piattaforma social fortemente incentrata sulla musica, allora gravitante nella galassia News Corporation, di proprietà del tycoon Rupert Murdoch.

Stiamo parlando di sei o sette anni fa, eppure sembra (quasi) preistoria. Ai tempi, invitato da alcuni amici musicisti semiprofessionisti che cercavano di promuovere la propria musica in rete, mi ero iscritto ed avevo curato un profilo. Sia detto per chi, allora, non frequentava Myspace: era un incubo.

Sul serio: gli utenti potevano personalizzare la home page del proprio profilo inserendo codici e template HTML in un editor WYSIWYG, con risultati tra il caotico e lo stucchevole ma sempre, sistematicamente, contrari alle elementari regole di accessibilità, leggibilità e navigazione. Un marasma. Gigantesche icone animate e sfondi “fantasy”, testi con font tipografici scuro su scuro, player che riproducevano in automatico loop musicali, slideshow che invadevano diverse sezioni della pagina.
[ Leggi tutto ]

 
 

Che cos’è Reddit (e perché in Italia non ha successo).

di - 10 ottobre 2012 alle 10:34

Scommetto che molti di voi si sono fermati per un istante alla quarta parola del titolo: Reddit. “Dove ho già letto o sentito questo nome?”

In questo articolo proverò a raccontarvi che cos’è Reddit, i motivi del suo successo negli USA, perché io ne sono un assiduo frequentatore e perché in Italia, a quanto pare, ha poco seguito.

Comincio con il dire che ho scoperto Reddit in tempi abbastanza recenti, quando nel 2009 Wired Italia ha iniziato a integrare nella propria homepage un pannello dove erano visualizzati gli “hot topics” del giorno (ovvero gli argomenti e le notizie più discussi sul web); la funzionalità era erogata da Reddit e la trovavo geniale perché in pochissimo spazio era davvero in grado di darmi suggerimenti sulle news più controverse o discusse in quel momento. Ho così deciso di abbandonare l’intermediazione di Wired e di visitare il portale Reddit: il punto di non ritorno!
[ Leggi tutto ]

 
 

Smartphone, anche Amazon rilascia il proprio terminale.

di - 12 settembre 2012 alle 10:18

Questi giorni sono caratterizzati da un susseguirsi di rumors, a quanto pare molto attendibili, dell’imminente ingresso di Amazon nell’agguerrito e affollato mercato degli smartphone.

La notizia, per la verità, rimbalzava già da qualche settimana, e non sono mancate analisi particolarmente puntuali e condivisibili: ma ora un articolo pubblicato su The Verge porta a pensare che il lancio possa avvenire a brevissimo.

D’altronde è notizia ormai assodata che Amazon stia intrattenendo da tempo rapporti con il costruttore Foxconn; a questo si aggiunga che Amazon ha già sondato il terreno dei dispositivi smart con due classi (ben distinte): il Kindle, nelle sue varie configurazioni ed evoluzioni, e il Kindle Fire, un tablet basato sul sistema operativo Android anche se pesantemente customizzato.
[ Leggi tutto ]

 
 

T-Payment: comprare (e pagare) direttamente dalla TV.

di - 22 giugno 2012 alle 10:23

Il mondo della TV digitale ha introdotto da tempo metodi e sistemi per acquistare contenuti premium (partite, film, contenuti on demand) ma in genere il livello di integrazione con questi sistemi è verticale e strettamente legato al broadcaster o service provider. Ad esempio, la maggior parte dei contenuti premium disponibili su TV satellitare o digitale terrestre sono legati ad un sistema complesso di CAS e a modelli di business abbastanza articolati, che prevedono pacchetti componibili di contenuti (ad esempio Cinema + Calcio), abbonamenti o acquisti di eventi singoli, generalmente confezionati e gestiti dal fornitore del servizio. Sebbene le combinazioni possibili siano molte, gli utenti non possono realizzare e sottoscrivere un bouquet di contenuti realmente personalizzato.
[ Leggi tutto ]

 
 

Highlight ti rende più popolare su Facebook

di - 1 giugno 2012 alle 10:39

E’ sempre difficile scrivere qualcosa sulle potenzialità di Facebook — un social network il cui numero di utenti registrati potrebbe essere la popolazione di un continente — senza il rischio di cadere nell’ovvio, nel superfluo e nel “già letto, già visto”.

Allora vorrei partire da una semplice considerazione, da un’esperienza personale e da una notizia.

Partiamo dalla considerazione. Un fattore che influenza fortemente le scelte e la propensione all’acquisto di un individuo è la trustability (difficilmente traducibile in una sfumatura tra l’affidabilità e la fiducia) della sua rete sociale: amici, conoscenti, amici di amici. E’ probabile che se una o più persone che appartengono ad una cerchia (ristretta o allargata) supportano con parole, fatti o esperienze dirette la qualità di un bene o di un servizio, la propensione all’acquisto degli appartenenti alla cerchia ne sia influenzata (positivamente o negativamente). Detto in altre parole: se un utente (un individuo, un’azienda o un brand) fa parte della mia rete sociale significa che gli ho accordato un po’ della mia fiducia e che valuto le sue opinioni. Per questo è noto il crescente utilizzo dei social network come strumenti di advertising indiretto che è tanto più efficace quanto maggiore sono il numero degli appartenenti ad una cerchia (ovvero il numero di coloro i quali leggono le notizie e gli aggiornamenti) e l’interesse per un particolare segmento commerciale o categoria di prodotti e servizi (se sono appassionato si sport invernali è altamente probabile che abbia tra i miei contatti altri appassionati di sci e che segua gli aggiornamenti dei profili social di stazioni sciistiche o di brand di attrezzatura specifica). Si potrebbe obiettare, citando una recente ricerca, che i nostri post su Facebook sono letti solo da un numero ristretto (tra il 12 e il 16% per essere precisi) dei nostri contatti.
[ Leggi tutto ]

 

L'autore

piersantelliBlogger, appassionato di web e tecnologie.
Chi è piersantelli

Entrato in Telecom Italia nel 2001, mi sono occupato di comunità virtuali, servizi broadband, distribuzione di contenuti su piattaforme digitali. Ho lavorato al Future Centre di Venezia, coordinando un progetto di innovazione su nuovi scenari di business legati alle immagini digitali e alla realtà aumentata. Dal 2011 sono impegnato nello sviluppo e nell'evoluzione di servizi web.

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivio del blog

I contenuti di questo blog sono tutelati da una licenza CC che vi invito a rispettare

Page 1 of 212